SERVIZIO CLIENTI 0541.628242 dal Lunedì al Venerdì dalle 8.30 alle 17.30
Benvenuto su Periodici Maggioli Accedi | Abbonati |
FOCUS

Le progressioni verticali: dall’espropriazione contrattuale alla riforma Madia

di Massimiliano Alesio

L’articolo 22, comma 15 del d.lgs. n. 75/2017 (c.d. riforma Madia) introduce e disciplina una nuova tipologia di progressione verticale del tutto particolare, utilizzabile per un periodo ben definito (il triennio 2018-2020), prescrivendo inattese modalità di avanzamento di carriera, che appaiono oggettivamente deroganti. Infatti, l’indicata disposizione normativa si pone in chiara posizione derogante con l’art. 52, comma 1-bis, del d.lgs. n. 165/20012, il quale prevede, per le progressioni verticali, quale unica “strada”, un concorso pubblico con riserva, non superiore al 50% dei posti. L’articolo 22, comma 15, del d.lgs. n. 75/2017 introduce, al di là di qualsiasi delega legislativa contenuta…

(continua a leggere…)

Hanno scritto in questo numero

  • Massimiliano Alesio Avvocato e segretario di Enti locali
  • Maurizio Lucca Segretario generale di amministrazioni locali e manager di rete
  • Riccardo Nobile Esperto di Diritto del Lavoro nelle Pubbliche Amministrazioni; Docente in corsi di formazione professionale, Membro di nuclei di valutazione, Giornalista pubblicista.

Rimborso spese legali a dipendenti ed amministratori degli enti locali

di di Marcella Gargano

(Tratto da MONEA, CRISTALLO, MORDENTI, Rapporto di lavoro e gestione del personale nelle Regioni e negli Enti locali) La materia del rimborso delle spese legali ha assunto negli ultimi anni un rilievo sempre maggiore,…

Legge di bilancio 2018: in sintesi le norme di interesse per gli enti locali

di di Mirka Simonetto

Nella G.U. n. 302 del 29.12.2017 (supplemento ordinario n. 62) è stata pubblicata la legge di bilancio 2018 (ex legge di stabilità) che detta molteplici norme di interesse anche per gli enti locali. Tale…

Il whistleblower: un “segnalatore” rafforzato o nuove insidie per i responsabili anticorruzione

di Massimiliano Alesio

Non vi è dubbio che l’istituto del segnalatore di condotte illecite abbia costituito una novità quasi assoluta nel panorama normativo ed organizzativo delle pubbliche amministrazioni e dia luogo, tuttora, a rilevanti incomprensioni o diffidenze.…